Mariah Jones, «atea al 100%», ha compatito i cristiani. Dal suo  punto di vista, erano ostili alla scienza. Rifiutò Dio. . . e fu portata a Lui dalla scienza.

Non credeva in Dio e nelle cose spirituali da molto tempo, racconta Mariah Jones in un video su YouTube che ha già ricevuto 70 000 visualizzazioni. «Pensavo che credere in queste cose fosse stupido». Subito dopo il liceo, Mariah Jones si arruolò nella Marina nel 2013. Lì ha sviluppato anoressia e bulimia. «Nel corso degli anni, questo è diventato sempre più forte.

Dopo essere stata congedata dalla Marina, si iscrisse all’universita' e apprezzò le lezioni di scienze che all’inizio non le confermarono la fede in nulla. «Mi è sempre piaciuto quando la gente metteva Dio in gioco per cercare di distruggere le loro argomentazioni con la scienza», racconta. «Ho fatto loro domande impossibili, che li hanno messi in una posizione scomoda e quasi impossibile rispondere. Odiavo quando la gente parlava di Gesù. »

Ricerca di risposte

Mariah ha interrogato i professori in cerca di risposte logiche. «Cosa c’era prima, il sangue o il cuore che pompava il sangue?», chiese. Oppure: «Era la pelle che teneva tutto insieme, o gli organi nella pelle? Come è diventato qualcosa dal nulla? Come ha potuto nascere una vita intelligente dal nulla? Come ha potuto un’esplosione portare a esseri viventi, che respirano, che amano, unici?»

I professori non sono stati d’aiuto in queste domande confuse. Così arrivò all’ovvio: doveva esserci una fonte esterna che controllasse il processo. Le sue scoperte la infastidivano. Aveva sempre avuto pietà di coloro che ritenevano necessario credere in Dio. Ma ora la scienza l’ha condotta da lui. «Alla fine mi resi conto di essere prevenuta e sapevo di essere stata chiusa all’alternativa. L’alternativa era Dio. »

«Vuoi che ti conosca?»

Una volta aveva giurato di non pregare mai, ma ora lo faceva. «In quel momento mi rifiutai di chiamarla preghiera. Ma dissi: ’Dio, se esisti davvero, non vorresti che ti conoscessi? Vorresti che mi chiedessi per sempre se esisti? Non voglio mancarti di rispetto. Ma voglio solo che tu mi dia un segno quando sarai lì, e io crederò. «

Non è successo niente subito. Mariah si sentiva imbarazzata e stupida. Ma nel corso dei sei mesi successivi accaddero cose insolite: sogni vividi che riflettevano versetti biblici. Ed eventi spaventosi la scossero. Mariah era contraria al cristianesimo. Quindi cercò tutte le religioni: Induismo, Islam, Giainismo e Buddismo.

L’anoressia peggiorava

Alla fine si occupò della persona di Gesù nella Bibbia, e ciò che vide la sconvolse. «Cominciai a studiare la Bibbia e a imparare qualcosa su Gesù e sul significato della sua vita e della sua morte, e su ciò che lui definiva il suo incarico. Alla fine scoprii che il suo scopo era essenzialmente per me. »

Nel dicembre 2017, le sue lotte si sono intensificate con anoressia e bulimia. «Ero intrappolata in un ciclo che non ha mai voluto finire, non importa quello che facevo, non importa quanto ci provassi, non riuscivo a uscire. Ricordo una situazione in bagno. Mi sedevo nella vasca da bagno e vomitavo. Ricordo che mi chiedevo: per quanto tempo ancora continuerò a farlo? Mi sentivo così schiava di questa malattia, questa dipendenza. »

«Gesù, ti prego aiutami!»

Quando rovesciò l’acqua, scoppiò in lacrime per la prima volta. Senza saperlo, esclama: «Gesù, ti prego aiutami!» Questa volta la risposta arriva subito. «Non riesco a spiegare quel sentimento – era amore. Sentivo silenzio e pace. In pochi secondi il pianto smise. Qualcosa aveva catturato tutto il mio essere. Non ci sono parole. Tutta la stanza era piena di Gesù. »

L’anoressia e la bulimia scomparvero dalla mia vita. Mi sono sentita guarita. Era come se non avessi mai avuto una dipendenza. Quell’oscurità, quella pesantezza che mi era stata sopra per quattro anni, era sparita del tutto. Andai a letto quella sera, in un certo senso scioccata. Non riuscivo a credere a quello che mi era successo. «Pochi giorni dopo, accoglie Gesù Cristo nel suo cuore.

All’inizio, Mariah Jones era riluttante a pubblicare la sua biografia su Internet perché temeva di essere respinta dai suoi amici atei. «So cosa mi aspetta. So che la gente probabilmente mi prenderà in giro. L’ho accettato. So chi ero una volta. Avrei riso di me. Ma non m’importa. Non dimenticherò mai quello che ha fatto per me. Sarò sempre in debito con lui per ciò che ha fatto per me. »

Traduzione dal tedesco: E. Schembre   

Autore: Michael Ashcraft / Daniel Gerber    

Fonte: GodReports / Übersetzung: Livenet