Un musulmano fedele, marito e padre esemplare

ma ciò nonostante Abdul Abbasi non era soddisfatto della sua vita. E c'erano quei cristiani, sempre sorridenti; Abdul avrebbe voluto incendiare ogni chiesa in Egitto…

Abdul Abbasi era un normale egiziano, a metà dei 20 anni, sposato con un figlio, in cerca di lavoro. E cercava un senso alla sua vita. La sua famiglia era conosciuta in Egitto, perché regolarmente incendiavano le chiese. «La Jihad è l'unico modo diretto per i veri musulmani di seguire il profeta Maometto. È la nostra salvezza e la ragione della nostra esistenza », Abdul spiega il fanatismo con cui è cresciuto. "I cristiani non meritano altro che la morte per la loro falsa religione".

Sebbene Abdul perseguisse questo senso della vita, era ancora pieno di domande che lo stavano logorando - mentalmente e fisicamente. Soffriva di un terribile dolore addominale e nessun dottore ne trovò la ragione. Aveva già un appuntamento per un'operazione esplorativa, anche se in realtà non aveva soldi per questo. "Ero costantemente preoccupato, fumavo troppo, ero sempre arrabbiato, irrequieto di notte e insoddisfatto della vita".

L'incontro

Una domenica camminò pensieroso nella sua città di al-Minya e notò un uomo che usciva da una chiesa. Abdul si fermò: c'erano ancora chiese in Egitto? Quando sarebbe bruciata anche questa chiesa? L'uomo - il suo nome era Hani - si avvicinò ad Abdul e gli chiese se poteva aiutarlo, ma continuò a camminare. Il viso di Hani emanava gioia e sentivo che aveva speranza. Ricordo di aver pensato: 'Perché questi cristiani sorridono sempre? Questo mi fa star male ... '»

Improvvisamente un pensiero gli attraversò la testa: forse era quella la ragione del suo mal di stomaco? La malattia aveva qualcosa a che fare con la religione? Non poteva essere ... Lo infastidiva il fatto che i cristiani fossero sempre così felici mentre si sentivano infelici. "In quel momento ho deciso di fare l'inimmaginabile: ho deciso di andare in chiesa e vedere se potevo trovare la" Bibbia dei cristiani "." Era sicuro che fosse piena di errori e puzzle , ma ha pensato che forse si sarebbe sbarazzato di questi pensieri.

 

Leggere la bibbia di nascosto in bagno

E così Abdul andò in chiesa, ricevette un'accoglienza amichevole e in realtà ricevette una Bibbia senza ulteriori domande. «Il mio viaggio spirituale è stato accelerato quel giorno. Ho iniziato con i Vangeli e non sono riuscito a smettere. Ero scioccato dal fatto che non solo mi divertivo a leggere la Bibbia, non volevo smettere di leggerlo ... »Lo fece di nascosto, nel cuore della notte, nel bagno, in modo che né sua moglie né la sua famiglia ne venissero a conoscenza. "Avevo fame della verità ..."

 

Questo libro cambia

Dopo alcune settimane, è tornato in chiesa. "Ho dovuto tornare indietro e scoprire perché tutto nella mia vita era cambiato da quando ho ricevuto il libro." Perché il giorno in cui ha iniziato a leggere la Bibbia, i suoi problemi di stomaco si sono fermati completamente - e non sono mai tornati , Hani - un fondatore di chiese in Egitto - lo ricevette in chiesa. "Ha spiegato l'offerta di Gesù di salvarmi e l'ho accettata volentieri. Ho pregato per il perdono dei miei peccati e ho accettato Gesù. » Sono passati alcuni anni. Oggi anche la moglie e il figlio di Abdul sono cristiani. La sua famiglia no: suo padre vuole continuare a tormentare le chiese. Ma Abdul spera che anche lui conoscerà presto Gesù.

 

Traduzione dal tedesco: E. Schembre

Autore: Rebekka Schmidt
Fonte: Jesus.ch / Uncharted Ministries