«L'amore non me lo devo più meritare»

Con feste, alcolici e avventure amorose Sandy Bucher cerca di nascondere il dolore che l'accompagna fin dalla tenera età. L'amore di suo marito non è mai abbastanza per lei.

Fino a quando non affronta un possibile divorzio per la seconda volta – il punto più basso. Qualcuno può aiutarla? Qui racconta la sua storia.

Dire no – forse l'ho dimenticato all'età di sei anni, quando mio zio mi disse quanto sia bello essere già così maturi alla mia età e che tranquillamente quel piccolo segreto poteva restare tra di noi. Certo che poteva. Non volevo mica ferire i suoi sentimenti... Da quando ho 5 anni, mio padre vive a 700 chilometri da me e le mie due persone affidate maschili scoprirono negli anni un interesse troppo grande per me. Si intrufolò nella mia testa un'immagine maschile malata e distorta. 

Ma io stessa mi sono definita molto attraverso ciò che ho fatto e ciò che ho lasciato che mi facessero. Internamente mi sentivo lacerata e rotta, fuori per la mia protezione sempre più dura. Eppure ero sempre alla ricerca di pace e amore duraturi. 

Alti e bassi

Per sopportare in qualche modo questa insopportabile tensione, ho iniziato a dieci anni ad autolesionarmi. A 15 anni, poi un raggio di speranza nel cielo: anche il ragazzo, che trovavo grandioso, era interessato a me. Siamo diventati rapidamente una coppia e pensavo di essere la persona più felice del mondo. Un anno dopo ci siamo fidanzati e non abitavo quasi più a casa. L'ambiente ormai sicuro è stato un bene per me. Eppure, il mio passato ci ha raggiunto di nuovo. Incubi, paura della vicinanza, pensieri di suicidio tornarono presto all'ordine del giorno. Non avrebbe mai potuto amarmi abbastanza, nonostante faceva del suo meglio. Eppure, ci siamo sposati lo stesso.                

Il mio nuovo migliore amico

A 17 anni ho incontrato il mio nuovo migliore amico: L'alcool. Mi dava coraggio, mi faceva dimenticare, ma mi rendeva sfrenata. Spesso lasciavo scatenare la mia rabbia. Spesso provocavo apposta solo per trovare un motivo per colpire . Finalmente non sentirsi la vittima. Mi sentivo forte e superiore – per quel breve momento. Feste, alcolici, avventure amorose, così non sentivo le urla dentro di me. Sempre alla ricerca del prossimo colpo. La cosa principale era sentire qualcosa che per il momento ti fa stare bene. 

Davanti al divorzio

Pochi anni dopo, era giunto il momento: abbiamo parlato in termini concreti del divorzio. Ma per strada verso la consulenza per il divorzio, a 120 km / h su una tortuosa strada di campagna improvvisamente ho visto tutto nero e ho perso il controllo della macchina. Perdita totale, ma non ho avuto ferite, tranne alcuni piccoli lividi - e anche il nostro bambino non ancora nato era vivo. Non siamo più potuti andare all'appuntamento. Sapevamo che c'era dell'altro: stiamo lottando per il nostro matrimonio. Ma per quanto tempo possiamo lottare da soli?

Dopo qualche anno eravamo di nuovo allo stesso punto. Matrimonio fallito? Incredibile ... Ero sdraiata da sola sul divano - non condividevamo il letto da molto tempo -, ero nel fondo della mia vita. Volevo solo morire. Fino a quel momento non avevo mai creduto alla possibilità di un intervento soprannaturale da parte di Dio, ma improvvisamente ho capito che se qualcuno poteva aiutarci, era Lui!

Storie, che parlano nella vita

Lo zio di mio marito adorava questo dio che non conoscevamo ancora. Non sapeva nulla dei nostri problemi, nessuno lo sapeva in modo specifico. Ma gli abbiamo chiesto di venire da noi. E ha parlato attraverso storie della Bibbia nelle nostre vite. Con una concretezza incredbilie che abbiamo pensato che sapesse tutto! Allo stesso tempo, sapevamo che era Dio a chiamarci amorevolmente a se stesso.

Mi sembrava che mi si fossero improvvisamente rimossi i paraocchi. Tutta la sporcizia e la zavorra, le lesioni e l'odio degli ultimi anni, sembravano allontanarsi da me. Improvvisamente ho compreso che Gesù era morto per me, così da potergli affidare tutto. In modo che io possa diventare completamente guarita dentro. Le lacrime di liberazione scorrevano come un ruscello.

Tutto diverso

Tutto era diverso da quel giorno in poi. All'inizio non era tutto buono, ma qualcosa era cambiato nel mio cuore. Dio l'ha fatto nuovo, è guarito. Potevo chiedere perdono e perdonare me stessa. E per la prima volta, ho potuto accettare l'amore di mio marito. Sapevo che il mio valore era diverso da quello che mi ha plasmato durante la mia infanzia. Sono più del mio corpo. Non devo più guadagnare amore. Dio mi ama. Incondizionatamente.

Sono veri miracoli quelli che sperimentiamo sempre di più nel nostro matrimonio oggi. Un passo alla volta. Siamo sulla buona strada e andiamo avanti ogni giorno con l'aiuto di Dio.

Oggi Sandy Bucher è coinvolta con suo marito in una comunità cristiana e lì guida la lode

 

 Traduzione dal tedesco: E. Schembre
Autore: Rebekka Schmidt / Sandy Bucher
Fonte: Jesus.ch / mystory.me