«Senza la mia fede sarei vuoto»

« La fede è la mia vita, senza di essa sarei vuoto », afferma l'atleta offensivo Ridge Munsy.

"Perché non seguirlo?" Dio gli aveva dato così tanto. "Tutto ciò che faccio succede a Suo onore. Alla fine, questa vita non è importante qui, ma ciò che viene dopo»

All’inizio della stagione l’attaccante del FC Thun Ridge Munsy non era soddisfatto, « soprattutto perché stavo lottando con gli infortuni. Per la prima volta nella mia carriera ho fallito per tante partite. Certo, speravo che il mio ritorno sarebbe stato diverso. Sarebbe stato come un libro illustrato se fossi stato guarito dall'inizio. "

Ma ora è di nuovo in forma e sta per raggiungere il massimo della forma: "Spero che continuerà e farò la mia parte in modo che la tendenza negativa possa essere invertita".
Con l'FC Thun, anche in questa stagione è possibile fare molto. "Ciò ha mostrato la squadra la scorsa stagione quando è stato raggiunto un grado europeo - perché non raggiungere la vetta della scorsa stagione?"

«La mia fede al di sopra di tutto»

La fede lo aiuta anche con le ferite. "La mia fede è al di sopra di tutto. Tutto è per la gloria di Dio, anche in una situazione del genere si dovrebbe essere grati. Non pensiamo mai fuori dagli schemi e non vediamo mai perché qualcosa è così. Non c'è alto senza il minimo ", ha detto il giocatore offensivo, che era già sotto contratto presso GC, Lucerna ed Erzgebirge Aue nella 2a Bundesliga. Per questa stagione, è tornato all'FC Thun.
La fede è la sua vita "senza la mia fede sarei vuoto. Alla fine, si tratta di sopravvivere alle prove qui sulla terra. Con Dio al nostro fianco, è possibile passare questo. E perché non dedicarci a questo? Ci ha dato così tanto - perché non dovremmo essere grati e vivere le nostre vite? "

«Il ringraziamento torna a lui»

Tutta la sua famiglia è credente. "Questo lo accompagna da tutta la vita: Gesù, la fede, è anche una linea guida per evitare la distrazione di destra e sinistra. Lui è il modo. È gentile e ti dà la scelta; ma consiglia come affrontare la vita. "Ridge Munsy visita una comunità franco-francofona di Olten.
Tutto accade sotto la cura di Dio e del suo orologio. "Questo mi conduce attraverso la vita. Tutto ciò che faccio accade in suo onore. Finché abbiamo questo atteggiamento, non puoi vedere le cose brutte. Abbiamo un ego e siamo umani, ma alla fine si tratta di dargli sempre onore e ringraziamenti. Fintanto che lo teniamo a mente, non possiamo davvero fare nulla di male ".

Dio controlla la palla ancora

A volte sperimenta anche Dio sul campo. "Ci sono stati alcuni momenti in cui ho saputo che potevano venire solo da Dio. A volte sembrava senza speranza e ho centrato l'obiettivo e sono entrato in palla. Poi è stato detto: "Munsy l'ha fatto e così ...", ma forse Dio ha spostato la palla di alcuni millimetri. "Ciò è stato fatto in modo intuitivo, con l'aiuto di Dio.
"Ho messo ogni gioco che prendo in mano. E se non dovesse andare nel modo che desidero, sono comunque grato di come mi ha guidato fino ad ora. "Sicuramente c'è una frustrazione quando qualcosa fallisce", ma Lui ha l'ultima parola. "

«L’ importante è, quello che viene dopo»

Perfino Elia nella Bibbia (1 Re, capitolo 17f.) Sperimentò alcune situazioni difficili in cui doveva fuggire e desiderava essere già con Dio. "Ma Dio porta sempre una soluzione. Vogliamo sempre il meglio subito. "Ma Dio potrebbe aver programmato un percorso diverso.
"Non mi vergogno della mia fede e Dio non si vergogna di me. (...) Alla fine, questa vita non è importante qui, ma ciò che viene dopo, "Ridge Munsy guarda avanti. "Certo che sei felice quando stai andando bene qui, ma la cosa più importante deve ancora venire ..."

Traduzione dal tedesco: V. D´Aversa /E. Schembre

Autore: Daniel Gerber
Fonte: Jesus.ch