Dopo il caos pubblico, il Capitano del Sudafrica trovò Gesù

Il capitano della nazionale di rugby sudafricana, Siyamthanda "Siya" Kolisi, è cresciuto nella comunità povera di Zwide, in Sudafrica, vicino a Port Elizabeth.

Sebbene sia cresciuto in un ambiente cristiano, ha trovato fiducia in Gesù solo recentemente.

Il Sudafrica sta lottando per il titolo alla Coppa del mondo di rugby in Giappone; all'avanguardia: il capitano Siya Kolisi. Le probabilità che domenica i sudafricani vincono la loro partita dei quarti di finale contro i padroni di casa del Giappone sono buone. Ora, in semifinale, il 27 ottobre, il confronto con il Galles attende.
Non molto tempo fa, Siya Kolisi ha dovuto affrontare tempi più problematici: si trovò nel mezzo di una difficile controversia che gli suscitava entusiasmo: sua moglie aveva trovato nei suoi messaggi di Instagram una foto speziata di un'altra donna. Nei successivi mesi, seguì nel pubblico sudafricano una saga caotica.

Fede non ancora personale

Siya Kolisi si ricorda: "Mentre stavo lottando personalmente con molte cose - tentazioni, peccati e la decisione di vivere la mia vita - mi sono reso conto che non stavo vivendo come seguace di Cristo".
In quel momento, la fede non era ancora arrivata nel suo cuore. "Ero daccordo su tante cose, ma non avevo deciso di abbracciare pienamente Gesù Cristo e vivere secondo la sua volontà".

Fiducia piena in Gesù

Tutta la situazione lo stava rosicchiando. La sua crisi interiore lo ha portato a diventare pienamente coinvolto con Gesù Cristo. Ha anche accettato l'aiuto di un cristiano esperto. "Insieme al mio mentore spirituale, sono stato in grado di scoprire la verità e il potere curativo di Cristo in un modo completamente nuovo. Questa nuova vita mi ha dato una pace nel mio cuore che non avevo mai provato prima. Non conoscevo quell'amore. »

Traduzione dal tedesco: V. D´Aversa /E. Schembre     

Autore: Daniel Gerber
Fonte: Livenet / Sports Spectrum / Premier