Una chiusura speciale per Keylor Navas: trasferito dal Real Madrid alla capitale francese, ha sconfitto la sua squadra precedente come portiere del Paris Saint-Germain pari a 3-0 gol.

Il portiere nazionale del Costa Rica ha pregato come sempre prima del gioco: L'Eroe della Senna conta su Gesù Cristo

Quando Keylor Navas (32) batte il Paris Saint-Germain 3-0 nella campagna della Champions League 2019/20 contro il Real Madrid, quello è per lui un momento speciale... dopo tutto, aveva vinto 104 partite di campionato con il Real Madrid e ha vinto la Champions League tre volte di seguito con il team di Madrid (2016, 2017 e 2018). Ha vinto il campionato del mondo Fifa Club (2014, 2016 e 2017). Inoltre, ha vinto il titolo spagnolo nel 2017 ... e molto probabilmente con il Paris Saint-Germain (PSG) il campionato francese 2020.
Come in ogni partita, Keylor Navas prega prima della partita. L'atleta credente ha sempre affermato che «la sua convinzione è la cosa più importante nella sua vita. Prima di ogni partita mi inginocchio, allargo le braccia e prego. »

Come già detto il PSG ha vinto contro il Real Madrid, ; Su Twitter, Keylor Navas ha attribuito questa "importante vittoria" a Dio e ha incoraggiato i suoi compagni a "lavorare con forza e fede".
Ancora e ancora si esprime nei social media per le sue convinzioni. "Se Dio cambia i nostri piani, significa che qualcosa migliorerà", ha detto dopo essersi trasferito a Parigi. Spiega inoltre: "Il calcio è una benedizione di Dio, ma non la cosa più importante della mia vita".
La cosa più importante è la sua convinzione: "Avendo ricevuto Cristo nel mio cuore, il mio obiettivo principale è raggiungere la vita eterna e stare con Cristo ... Cristo mi dà saggezza, una mente pacifica e un cuore forte per attraversare tempi difficili lottando per tenere i piedi a terra e per essere umile in momenti di benedizioni e felicità ".

Forza dalla fede

"Non esiste una situazione quotidiana, spiega Navas, senza fare affidamento su un versetto della Bibbia. A casa, preghi al mattino, al pomeriggio e alla sera, prima di ogni pasto e prima di ogni partita. La preghiera e la sua profonda fede lo guidano. In esso si affermano le sue idee », ha scritto in precedenza il quotidiano spagnolo« ABC ».
Trova anche supporto nella sua famiglia. Una striscia di documentari della Navas, che è stata proiettata nei teatri del Costa Rica, è stata intitolata "Hombre de Fe" ("uomo di fede").
Un titolo appropriato, secondo Navas, perché la fede modella la sua vita: "Nelle diverse fasi della mia vita, ho sempre avuto una fede incredibile, indipendentemente dalle circostanze. La fede è sempre stata la cosa più importante per me. Credo pienamente in Gesù, in Dio, che esiste e mi ha sempre aiutato a credere che Dio possa fare qualsiasi cosa ".

Radicato nel cuore

La fede è ancorata nel suo cuore, lo fa andare avanti - ma allo stesso tempo è anche importante lavorare sodo. "Come diciamo in Costa Rica," chiedi a Dio e lavora con un martello ". Ho lavorato duramente, ma sempre con fede.

Ecco perché il titolo "uomo di fede" descrive perfettamente tutta la mia vita ".
E quindi non sorprende che Navas si metta in ginocchio prima di ogni partita e prega. "Molti mi insultano quando mi vedono in ginocchio e mi dicono che Dio non esiste. Ma continuerò a pregare in ogni stadio ".
Il suo verso preferito è in Galati, capitolo 1, verso 10. Keylor Navas: Sono il consenso degli uomini o il consenso di Dio? Si tratta davvero di piacere alle persone? Se volessi ancora piacere alle persone, non sarei un servitore di Cristo! '»

 

Traduzione dal tedesco: V. D´Aversa /E. Schembre     

Autore: Daniel Gerber / Rebekka Schmidt
Fonte: Jesus.ch / infochretienne / protestantedigital / mundo cristiano / ABC