Evelyn Cartwright ha un tumore, sebbene benigno, ma non operabile e la sua vista è a rischio. Le radiazioni dovrebbero aiutare e gli amici e la famiglia pregano per Evelyn. Purtroppo, dopo sei mesi il suo stato peggiora. Quindi Evelyn smette di pregare per la guarigione ...

Per la gran parte della sua vita, Evelyn Cartwright ha sofferto di mal di testa.

"A volte la testa mi faceva così male che non riuscivo a sollevarla dal cuscino. Pensavo fosse a causa dell'ipertensione ... "Una domenica di aprile 2014, succede qualcosa di peggio. "Mi pulsava nella testa come un battito del cuore e il dolore era molto peggio di qualsiasi cosa io abbia mai provato."


Si precipita immediatamente al pronto soccorso dell'ospedale. Dopo una risonanza magnetica, la diagnosi che la porta a riflettere: un tumore al cervello, benigno, ma la situazione non sembra buona. "Ho scoperto che il tumore non poteva essere rimosso chirurgicamente perché era troppo vicino al mio nervo ottico - avrei potuto perdere la vista del mio occhio destro durante un'operazione e potevano anche sorgere altri danni al cervello."

«Perche io?»

Evelyn è scossa – e non solo per il fatto che ora ha cinque colpi di radiazioni da sopportare. A casa, suo marito sta morendo e lei si prende cura di lui giorno dopo giorno.

"Ho pensato: Dio, dove sei?

Cosa sta succedendo qui?

Sai, ti amo, ti servo - perché mi succede tutto adesso?»


Sa che non può sopportarlo da sola e cerca aiuto. "Sapevo che la preghiera poteva cambiare le cose, quindi stavo cercando persone che pregassero per me." Amici, parenti, i loro due figli ... "Ho dovuto ritornare in me per ricordare che Dio ha il controllo, che è guaritore e potrebbe guarire mia madre ", ricorda suo figlio Cedric. Anche sua figlia Ebony prega per la guarigione e benedice i dottori in nome di Dio.

Nessun cambiamento

Dopo tre mesi, verrà eseguita la successiva risonanza magnetica - nessuna modifica. Dio non ha ascoltato le sue preghiere? Dovrebbe tornare tra tre mesi. Altri tre mesi con forti mal di testa, con trattamenti e con l'onere della cura del marito ... Ma nonostante le radiazioni, sei mesi dopo l'inizio della terapia, nessun miglioramento. Anzi , sorge un peggioramento: il tumore si è depositato attorno all'intera cavità oculare, anche se questo già è stato irradiato. Molto probabilmente perderà la vista.
Per gli amici e la famiglia che pregano la situazione è incomprensibile. Si sentono impotenti, fuori controllo ... Ma con Evelyn è completamente diverso: "La mia fede era cresciuta così tanto all'epoca che non mi turbava. Perché, indipendentemente da ciò che mi è stato detto, ho continuato a credere che Dio avrebbe fatto ciò che aveva promesso ".

Lodare anzi che chiedere

Improvvisamente sente Dio che le ordina di smettere di pregare per la sua guarigione - piuttosto, per lodarlo. E così chiede ai suoi amici di lodare Dio. Molti sono un po' confusi da questa richiesta, ma sono d'accordo. E così elogia Dio, nella cura , durante l'irradiazione, in ogni momento. "Quando mi sono sdraiata sul tavolo, ho semplicemente detto:

'Voglio lodare il Signore in ogni momento, lodarLo sempre con le mie labbra'."
Nove mesi dopo la diagnosi, deve tornare all'esame. Questa volta il dottore ritorna sorridendo: il tumore è morto.

"Ho girato a destra – ho subito iniziato a lodare Dio!" Entro pochi anni, il tumore si dissolse gradualmente - e il mal di testa sparì all'istante.
Oggi, Evelyn Cartwright è anche grata che suo marito sia stato in grado di sperimentare la sua guarigione prima di morire. La fede di tutta la famiglia è stata rafforzata da questa esperienza.

"Ora so che posso fidarmi di lui in ogni situazione della mia vita. So che se può curare un tumore al cervello, allora può fare qualsiasi cosa.

Tutto è possibile a chi crede! »

 

Traduzione dal tedesco: V. D´Aversa /E. Schembre                                                                                

Autore: Cheryl Wilcox / Rebekka Schmidt
Fonte: CBN Club 700 / Übersetzung: Livenet