Chiunque li conosce sa che Dio vive e fa miracoli ancora oggi.

Perché il motivo per cui Rebeca Quevedo (31) e sua figlia di Aachen sono ancora vivi, è dovuto a due meraviglie che solo Dio poteva fare.

Rebeca Quevedo e sua figlia Talitha

Rebeca Quevedo nasce a Loja, nel sud dell'Ecuador. Suo padre è un ingegnere, ma lavora come pastore e così cresce in chiesa fin da piccola. All'età di 15 anni, decide consapevolmente di vivere con Gesù. Ma questa vita non fu facile. Pochi istanti dopo, sua madre muore di cancro. Il suo sogno di diventare una pilota per motivi finanziari rimane molto lontano. Ma decide di iniziare a studiare in Bolivia, dove costa meno della metà. "Così ho rischiato e ho fatto i primi passi di fede."

Lontano dal padre e dal fratello, inizia gli studi. Vuole diventare una pilota di linea aerea, viaggiare e vedere il mondo. Ma tutto si svolge in modo diverso. Il 26 agosto 2010, dopo una pausa di volo di due mesi, riceve una chiamata da un capitano dell'Aeronautica militare della Bolivia, un mentore di Rebeca. "Dovevo essere in aeroporto entro un'ora per fare un sorvolo di due ore."Sarebbe stato essere il suo primo volo alla cieca, in cui l'aereo vola esclusivamente con gli strumenti, senza prestare attenzione a indizi esterni, visivamente percepibili. Il capitano esegue le ispezioni necessarie sull'aereo mentre Rebeca fa i documenti per il permesso.

Lo schianto

Quando sono in aria, qualcosa va storto. "Ci siamo persi e non abbiamo mai raggiunto il punto che volevamo sorvolare. Ha iniziato a diventare buio e secondo i miei calcoli, non avevamo abbastanza carburante per tornare indietro. "Rebeca cerca di convincere il suo mentore a fare un atterraggio di emergenza, è sicura che lo faranno. "Ero in preda al panico, immaginavo la mia morte - o che Dio facendo un miracolo in qualche modo avremmo potuto ancora raggiungere l'aeroporto."

È stato difficile combattere contro questa paura. Prega, canta canzoni di lode. "Quindi il motore si spegne e siamo scesi quasi 2000 metri nella profondità. Pochi secondi all'impatto, ho pregato: "Padre, la mia vita è nelle tue mani - la tua volontà sarà compiuta!" "Nel mezzo della paura e della disperazione lei sapeva di essere al sicuro nelle mani di Dio.
Durante la caduta, le ali si spezzano, all'impatto, l'aereo si spezza in due - ma sono emerse in una radura nel mezzo della foresta, questo è già un miracolo. Rebeca viene espulsa dall'aereo mentre il capitano è immediatamente morto a causa dell'impatto. Ha solo pochi graffi e lievi ferite interne, che vengono curate dopo che le forze di sicurezza arrivano in un ospedale vicino. Vive - un altro miracolo! "Tutti dicevano: 'Per qualche misteriosa ragione' ... Ma per me, era chiaramente la mano di Dio." Come pilota, non vuole più viaggiare per il mondo ma andare in missione.

20 Minuti morta

Sperimentare Dio da vicino ha sicuramente rafforzato la tua fede. Ma sei anni dopo vive ancora un miracolo: Dio sveglia sua figlia dalla morte alla vita. Poche ore dopo la nascita nel reparto neonatale, separata dalla madre, la bambina ha un arresto cardiaco. Quando un'infermiera chiama Rebeca nel reparto neonatale, i medici sono impegnati in tentativi di rianimazione, "è morta da 20 minuti". Rebeca e suo marito Sebastián devono firmare che i medici possono fermare i tentativi di rianimazione. Ma nessuno ha potuto spiegargli cosa fosse successo e perché la bambina si sentì così male. I due non firmano nulla, semplicemente pregano. Anche la famiglia e gli amici pregano per il neonato. "Abbiamo chiesto a Dio di risuscitarla, proprio come Gesù ha risuscitato la ragazza in Marco, capitolo 5, versetto 41 e ha chiamato 'Talitha kumi', quindi, ragazza, io ti dico, alzati! 'E Dio ci ha risposto.' In pochi minuti il ​​cuore della  piccola bambina colpisce ancora.

Nessuna rarità scientifica

Talitha trascorre 31 giorni in terapia intensiva, i medici avvertono possibili danni al cervello. Quindi deve sottoporsi a fisioterapia quotidiana. Ma Rebeca e Sebastián sanno che Dio ha già fatto un miracolo e continuerà a lavorare. "Non eravamo ancora d'accordo su un nome prima - ma dopo tutto quello che è successo, Dio le ha dato un nome attraverso il miracolo: il suo nome era Talitha, un costante ricordo dell'amore di Dio".
Ora Talitha compie tre anni tra qualche settimana. Tutta la famiglia vive in Germania da quasi un anno, dove entrambi i genitori vorrebbero completare i loro studi. Oggi Talitha è una bambina felice senza alcun danno consequenziale. Rebeca disse: "Quando il neurologo alla fine la congedò, disse con un grande sorriso:" Hai davvero una rarità scientifica nelle tue mani ". Ho riso solo quando l'ho sentito e ho risposto: "Grazie, ma è un segno molto chiaro di come funziona la mano di Dio".

Traduzione dal tedesco: V. D´Aversa /E. Schembre

Autor: Rebekka Schmidt
Quelle: Livenet