Ha custodito "Sua Santità"

 

Pochi arrivano vicino al Dalai Lama come Dawa, che è stato la sua guardia del corpo per circa un decennio. Ma proprio in quel posto trovò qualcuno che nessuno mai potrebbe immaginare di trovare:

Gesù Cristo. Poco dopo Dawa frequentò una scuola biblica e oggi lavora come fondatore di comunità cristiane nell'Himalaya.

Attualmente parla delle sue esperienze in Svizzera.

"Per te come tibetano la svizzera deve essere piatta", abbiamo chiesto  a Dawa nel nostro tour di Lucerna. "Sì", ride l'ex guardia del corpo del Dalai Lama. Dopo tutto, la sua casa è chiamata "il tetto del mondo".

Cresciuto nella famiglia buddista

Anche la vita interiore di Dawa era piena di alti e bassi, come ha riferito nel suo giro di conferenze in Svizzera con l'organizzazione umanitaria internazionale "HMK Help for Man and Church" con sede a Thun (BE). "Sono cresciuto in una famiglia buddista e mi è stato imposto molto presto di scegliere la religione degli antenati".


È cresciuto pieno di odio. «Abbiamo vissuto come rifugiati nel nord dell'India. I miei genitori e migliaia di altri tibetani erano stati espulsi dai cinesi ". Verso il Nepal, il Bhutan e l'India. "I miei genitori attraversarono montagne per diverse settimane fino al loro arrivo in India."

Buttato fuori dal proprio paese

I rifugiati pensavano che sarebbe stato solo per un breve periodo, ma diventarono generazioni. "L'India ci ha accolto, ma l'obiettivo è di diventare di nuovo indipendenti, proprio come eravamo soliti quando il Tibet era uno stato autonomo.
"Ho sviluppato una rabbia irrefrenabile sui cinesi. Ci avevano cacciato dalla nostra terra e ci avevano espulsi. Per colpa loro eravamo diventati dei senzatetto e senza casa. Questo mi ha scosso. Sapevo che un giorno mi sarei vendicato. "

Chiamato dal Dalai Lama

La gioventù tibetana del nord dell'India frequentava una scuola propria. "Ero abile nello sport, spesso facevo il capitano e anche nell'educazione i miei risultati erano forti." Durante la graduazione ci fu un ospite speciale alla cerimonia: il Dalai Lama. E codesto aveva evidentemente notato la persona di Dawa. Mi pregò di raggiungerlo chiedendomi quale fosse il mio nome e cosa volessi diventare un giorno. Dissi che volevo diventare un ufficiale militare e unirmi alla resistenza ".
Mi disse che dopo la cerimonia dovevo andare all'ufficio della scuola. Ci andai e mi disse che si sarebbe preso cura di me. Infatti, presto tutte le formalità furono fatte e Dawa andò in una scuola militare che era gestita in cooperazione con le forze armate indiane.

Guardia del corpo dei Dalai Lama

Dawa era tra i migliori sia nelle unità militari che in quelle scolastiche. Dopo questo addestramento fu chiamato in un circolo illustre: alla guardia del corpo di "Sua Santità". «Eravamo 30 guardie. Nel terzo anno, mi alzai in cima alla squadra e nella cerchia più vicina. Lo accompagnai nei suoi viaggi, sia a livello locale che internazionale ".
Dopo cinque anni che era in questa sezione delle forze armate gli fu dato un nuovo compagno di stanza. "Continuavo ad invitarlo ad uscire con noi e venire alle feste. Tra cui non mancava l'uso dell'alcool . »

Un compagno di stanza speciale

Continuamente Dawa chiedeva al suo compagno di stanza se non sarebbe voluto venire per un paio di drink. Ma lui educatamente rifiutava sempre. "Ecco perché dopo alcuni mesi ho un pò mollato."
Un giorno, il collega di Dawa gli disse: "Non voglio offenderti, non bevo più. Prima lo facevo. Ma oggi non più. Il motivo è che sono diventato un seguace di Gesù Cristo. "Dawa non ne aveva mai sentito parlare direttamente. " Quel poco che sapevo era solo perché il Dalai Lama a volte incontrava vescovi e cardinali."
Dawa rimase molto colpito, "questo amico era diventato un modello per me e lo stavo molto rispettando."

Un altro stile di vita

Dawa voleva saperne di più. "Mi disse che seguiva Gesù da poco e che si incontrava con un gruppo di una decina di persone. Mi invitò di andare con lui la prossima volta che eravamo liberi. "Dawa andò e incontrò circa una dozzina di cristiani. "Erano buddhisti o indù, tutti studenti universitari e mi raccontarono le loro storie." Toccato andò regolarmente alle riunioni.
"Intorno a me c'erano odiosi gangster e combattenti. Abbiamo bevuto e vantato il nostro stile di vita e questo mi fece vergognare. Il mio amico mi raccontò che anche  lui stesso prima era aggressivo. "
Queste persone erano completamente diverse. "Non conoscevo ancora tutti i dettagli, ma credevo alle parole del mio amico. La sua vita mi ha convinto. Ho deciso di dare la mia vita a Gesù Cristo. "

Due guardie del corpo cristiane del Dalai Lama

Ora nella cerchia più stretta del corpo del Dalai Lama si ritrovarono due cristiani. "Non lo abbiamo detto a nessuno". Con il tempo, Dawa sentì che voleva studiare la Bibbia.
"Ho detto ai miei genitori e fratelli a casa che avevo trovato una pace che non conoscevo." Volevano sapere cosa era successo e gliel'ho detto. A loro non è piaciuto affatto. "Siamo nati buddisti e moriamo come buddisti", mi dissero, ovviamente io ero incluso in questo "noi".

«Non è una religione straniera»

Dawa disse loro che non era una religione straniera, "Ho ancora i miei occhi in testa, ho ancora lo stesso aspetto, ma tutto il negativo è sparito. Ora sono una persona felice. Volevano dissuadermi dalla mia decisione, ma ho detto che non avrei negato il Dio che mi ha dato quella pace ".
I parenti erano dell'opinione che questa fase sarebbe presto finita. Ma non potevano convincerlo. "Il mio cuore era pieno di pace e questa cosa la trovarono interessante." Ma quando non tornai al Buddhismo, rimasero delusi e diventarono aggressivi. Dissero: "Se rimani su questa strada, questo non è più il posto per te". Sono stato buttato fuori di casa. "

Centinaia di amici dovrebbero trovare questa pace

Dawa decise di andare ad una scuola biblica. "Per me era importante che anche centinaia dei miei amici trovassero quello che avevo trovato io." Segretamente, i suoi parenti avevano pensato che sarebbe tornato relativamente presto al Buddismo dopo averlo cacciato, ma questo non accadde.
"Non volevo lasciare Cristo e la pace che avevo ricevuto. Ci sono molte persone tra i tibetani con ferite e rabbia interne. Lo capisco, è normale. "Oggi guida un movimento di fondazione di chiese in Himalaya e aiuta molte persone a ricevere la speranza e la pace che anche lui ha trovato.

Una bibbia per il Dalai Lama

Con il passare del tempo, i tibetani cristiani sponsorizzarono alloggi per i rifugiati tibetani. "Durante l'inaugurazione venne anche il Dalai Lama. Fece un discorso e disse ai buddisti: "E voi cosa fate? Imparate dai fratelli cristiani! '»
In questo incontro, Dawa consegnò al Dalai Lama una Bibbia. La prese e disse: "Quello che fai è buono". Tocchiamo la vita delle persone. Ringrazio Dio che ha parlato al mio cuore e mi ha aperto gli occhi. Ha riempito il mio cuore con il suo amore e adesso condivido il Vangelo nell'Himalaya. Questa è la mia storia ».

 

 Traduzione dal tedesco: V. D´Aversa /E. Schembre

Autore: Daniel Gerber
Fonte: Livenet