«Solo Gesù Cristo conduce a Dio»

Gesù ha sempre avuto uno stato elevato per Yüksel Yildiz (56 anni). Da bambino è per lui il "miglior profeta del mondo". Oggi, Yüksel è convinto che Gesù è il Figlio di Dio, che lo ha salvato da un incidente di droga e lo ha liberato dalle sue dipendenze da gioco e tabacco.

Yüksel Yildiz: "Gesù mi ha impedito di cadere completamente nelle droghe".

Yüksel Yildiz cresce a Istanbul con due sorelle e due fratelli. Suo padre lavora per un progetto di riforestazione dello stato. La famiglia è uno degli Alevis, una minoranza islamica con influenze ortodosse. Yüksel ricorda bene la sua educazione religiosa: "Ho sempre sentito l'amore per Gesù", dice. "Il nome 'Jesus' - in arabo 'Isa' - sembra così gentile e amichevole. Per me, Isa era semplicemente il miglior profeta del mondo - a differenza di Maometto, che ha fatto senza pietà guerre e avuto molte mogli ».

La maschera

Dopo la scuola superiore Yüksel Yildiz lascia la sua terra natale. I grandi soldi e le belle macchine, di cui i suoi colleghi si avvantarono, attirano in Svizzera i diciottenni. Sua sorella maggiore, che vive vicino a Basilea, gli offre alloggio. Yüksel trova lavoro in una panetteria e presto sta in piedi da solo. Ma poi arriva agli amici sbagliati e scivola nella droga. Esternamente, tuttavia, non mostra alcun segno e coscienziosamente fa il suo lavoro.

La voce

Anche in Svizzera, dove a lui piacciono la terra e la gente all'inizio, Gesù lo accompagna in modo speciale. Yüksel commenta: "Soprattutto alla fine ho sentito la mia voce nel mio cuore ancora e ancora. Gesù mi ha detto: 'Vai a casa, Yüksel. Non ti senti bene se resti qui. " Non mi ha lasciato, e mi sono sempre più interessato alla fede cristiana. Oggi sono fermamente convinto che sia stato Gesù a impedirmi di cadere completamente nelle droghe ".

La bibbia

Nel marzo 1987, Yüksel si innamora in una discoteca a Basilea. Un anno dopo sposa il suo amore. Passa un altro anno quando il suo passato minaccia improvvisamente di raggiungerlo. Una "vecchia conoscenza" dei tempi della droga porta Yüksel in custodia facendo una falsa accusa. Nella sua cella trova una Bibbia. Yüksel ricorda: "L'ho letto immediatamente. Le parole e i miracoli di Gesù che ho letto mi hanno toccato profondamente. Non c'era alcun dubbio nella mia mente che la Bibbia fosse vera. "

Il nuovo inizio

Rilasciato dalla prigione, il fratello di sua moglie lo invita al culto di una chiesa libera. Yüksel è affascinato e commosso di nuovo dalla grande amicizia che il pastore deve avere con Gesù: "Era come se Gesù fosse seduto proprio accanto a lui", Yüksel descrive le sue impressioni. "Anche questo calore tra di loro ... Mi sono subito sentito benvenuto e accettato."
Presto Yüksel frequenta un corso religioso di base Alphalive e si unisce a un piccolo gruppo della Chiesa Libera: "Compresi che Gesù voleva darmi perdono e riconciliazione con Dio con la sua morte sulla croce. Ho pregato con il mio capo, Gesù ha fatto conoscere i miei errori e lo ha invitato nella mia vita. Dopo ciò, mi sentivo più libero e leggero. Devo dire che ero molto dipendente dal tabacco e dal gioco d'azzardo e avevo anche debiti. Non durante la notte, ma Gesù mi ha gradualmente liberato da tutto questo. Mi ha dato una nuova vita. »

Il regalo piu grande

Per 26 anni, Yüksel è felicemente sposato con sua moglie, che condivide la sua fede, e ha due figli (20 e 24). Persegue felicemente il suo lavoro in un'azienda di verniciatura a polvere. A Yüksel piacciono le persone ed è un'anima utile. Inoltre, ha la formazione come assistente infermieristico in tasca, ha lavorato per un periodo con giovani persone con problemi fisici e mentali. La domenica Yüksel si impegna nella sua parrocchia come una cosiddetta cartella, accoglie i fedeli e assicura un flusso regolare.
Il suo amore per Gesù risplende su ogni poro di Yüksel: "Gesù è la ragione per cui vivo.

Ha spiegato l'amore e la fede a noi. Vuole che ci perdoniamo l'un l'altro.

Solo Gesù ci conduce a Dio, solo lui ci rende liberi.

Gesù ha sacrificato la sua vita per noi. Non c'è dono più grande al mondo. »

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Giovanni 3:16

 

Traduzione dal tedesco: V. D´Aversa /E. Schembre

Autore: Manuela Herzog
Fonte: Jesus.ch