All'età tra i tre e i dieci anni, Victor Marx sperimentò abusi fisici e sessuali con vari patrigni. Droghe e alcool non hanno aiutato. Una lettera del padre biologico lo portò poi al Bagliore Bianco. Tuttavia, la riunione ha avuto luogo.

L'infanzia di Victor Marx è ciò che si immagina con la parola orrore: suo padre – uno spacciatore – ha lasciato la famiglia prima della nascita di Victor. Egli stesso cresce con i suoi fratelli con sua madre e vari patrigni.

<<Torture>>

L'abuso da parte del patrigno inizia a soli tre anni. "Da bambino, ho usato l'umorismo come strategia di coping." Quello che ha vissuto è chiamato "tortura" dagli psichiatri. "Ciò significava che ero immerso in una vasca piena d'acqua fino a quando non sono svenuto, o ho ricevuto scosse elettriche - tutto questo mi è stato fatto deliberatamente. Ma ringrazio Dio per avermi tenuto in vita...»

Anche da ragazzo, Victor sente parlare di Gesù nelle varie chiese che visitano. "Ho sempre creduto in Dio, ma era completamente inavvicinabile per me. La gente lo chiama Dio, il Padre, e questo è stato offensivo per me, perché i padri che conoscevo erano assenti, arrabbiati, ubriachi, violenti o offensivi – e quindi non potevo e non volevo avere una relazione con Dio".

Gesù - solo un tipo bravo?

Le storie su Gesù, d'altra parte, affascinano Vittorio. "Questo Gesù amava i bambini e faceva cose soprannaturali." Una sera sperimenta che Gesù è vivo: ha dieci anni, il patrigno torna a casa ubriaco e inizia a sparare alle lampade dall'esterno con una mitragliatrice. "Mia madre ci afferrò e ci nascose nell'armadio. È venuto alla porta della stanza e ha urlato: 'O vieni fuori o sto entrando.' Mia madre cominciò a pregare: 'Il sangue di Gesù chiude la porta...' Le ho detto: 'Gesù è un bravo ragazzo, ma abbiamo bisogno di qualcuno di forte qui...'"

Ma in quel momento si rende conto che Gesù ha un potere incredibile: "Il mio patrigno non poteva entrare nella stanza anche se la porta era aperta ..." La stessa notte, la madre e i bambini fuggono attraverso la finestra e non tornano mai più.

<<Caro figlio...>>

Victor frequenta un totale di 14 scuole, vive in 17 case diverse. Le molte mosse rendono quasi impossibile costruire amicizie. "Ho iniziato a bere, a prendere droghe. (...) Non l'ho fatto per essere figo o inserirmi in una cricca, ma perché ero così ferito dentro - semplicemente non volevo ricordare nulla. Dentro, si sente completamente vuoto.

Proprio in quel momento riceve una lettera dal padre biologico. "Ha scritto, 'Caro Figlio' e questo mi ha fatto arrabbiare. Ho pensato, che mia madre è rimasta incinta da te, ma non sei mai stato un padre per me! (...) Ma poi si è scusato per non essere stato un padre per me. E scrisse: "Probabilmente pensi che io sia pazzo, e lo sono in un certo senso, "Sono pazzo a seguire Gesù Cristo!""

Victor si prende una vacanza e visita suo padre in Louisiana. Questo è cambiato completamente, il che impressiona Victor. È diventato una brava persona. Insieme visitano una chiesa. Vittorio è particolarmente toccato dalla musica della lode e da quanto Gesù lo ama. "Improvvisamente mi sono reso conto di aver commesso degli errori ed ero pronto a ricevere perdono e dare la mia vita". Quel giorno diede la sua vita a Gesù.

Sperimentare il perdono

Come cristiano, si rende conto che Dio vuole che visiti il suo patrigno, che lo aveva abusato in quel modo, e gli racconti cosa Sta facendo Dio nella sua vita. "Perdonarlo è stata una decisione, ma ho dovuto viverlo." Lo visita nella casa dove è stato abusato sessualmente e fisicamente dal patrigno - tutti i ricordi sono tornati immediatamente. Il patrigno, ora vecchio, è ancora di cuore duro. Tuttavia, è sul punto di morire ed è pronto a parlare con Victor. "Ho sentito la mano di Dio su di me e l'amore di Dio per quest'uomo." Vittorio gli spiega il Vangelo e gli legge dalla Bibbia. Non c'è reazione da parte del patrigno.

Nelle settimane successive, Victor inizia a pregare per il suo patrigno. E nel tempo, si rende conto che non lo odia più, come una volta. Non vuole che vada all'inferno. In nuove visite, gli dice che lo ha perdonato. Un giorno, quando visita il patrigno in ospedale, il vecchio dice all'infermiera che questo è suo figlio e che è orgoglioso di lui. "Dio aveva toccato quest'uomo."

Da allora, Victor Marx ha sostenuto le persone in Medio Oriente che hanno subito traumi, come le donne in Iraq che sono state schiavizzate dall'Isis. Li aiuta a trovare guarigione e iniziare una nuova vita. 

Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate:

ecco, sono diventate nuove.  2Corinzi 5:17

 

Traduzione dal tedesco: E. Schembre

Autore: Rebekka Schmidt

Fonte: Livenet / victormarx.com