... fino a quando trovò una pace sconosciuta

Tutte le preghiere rivolte ad Allah non hanno aiutato Jazal. Soffriva di attacchi di panico. Quando un giorno pregò per lei una cristiana, trovò una pace sconosciuta.

Jazal Osorio (Foto: Mustard Seed Budget)

Jazal Osorio (precedentemente Jazal Khatri) è cresciuta in una famiglia rigorosamente musulmana negli Stati Uniti. «Ero convinta che l'Islam unisse me e i miei genitori e che sarebbe rimasto così se avessi fatto quello che mi chiedevano.

Ciò includeva la visita alla moschea e il digiuno durante il Ramadan. »

«Pace mai percepita»

Ma ciò non è accaduto. Invece, è spesso fuggita da casa con sua madre a mezzanotte perché i suoi genitori avevano una dura discussione. Allah non ha portato la pace che lei ha chiesto.

«Allah sembrava molto lontano. Non mi sembrava proprio che mi stesse ascoltando. Non ho provato amore, aiuto o speranza. Volevo questa pace, che si dice sia rappresentata dall'Islam, ma non l'ho mai sentita. »

Il suo desiderio era che i suoi genitori stessero insieme. Ma quando era al liceo, il padre pose fine al tumultuoso matrimonio. "Dopo tutto quello che avevo passato, sentivo di non essere degna di affetto o amore", ricorda Jazal. «L'ho cercato dai miei genitori e non l'ho ricevuto. Era come se qualcuno avesse detto: 'Ehi Jazal, non sei così eccezionale. Se lo fossi, la famiglia non si sarebbe rotta. '»

Paure paralizzanti

La mancanza di stabilità familiare le ha provocato attacchi di panico. Durante i suoi studi, Jazal ha anche lavorato in una scuola privata. Ma ancora e ancora fu colpita da paure paralizzanti. Una volta pensò che sarebbe morta. «La mia frequenza cardiaca è aumentata e ho iniziato a sudare. Ho solo sentito l'oscurità. »

Connie dell'amministrazione scolastica si affrettò ad aiutarla. «Ogni volta che gli attacchi di panico mi hanno sopraffatta al lavoro, ha pregato con me e ho sentito la pace. Non mi sono mai sentita così quando finivo la mia preghiera islamica. »

«Che cosa ha lei, che io non ho?»

Jazal si chiese cosa avesse Connie che lei non aveva: "Qualunque cosa sia, la voglio anch'io." Connie l'ha invitata nella sua comunità cristiana. Jazal è rimasta spiazzata: "Il messaggio riguardava il perdono attraverso Cristo, non c'è nulla di simile nell'Islam".

Ora apprese che Gesù era morto anche per i suoi peccati. Pochi giorni dopo, ha un nuovo grave attacco di panico. "Forse dovrei pregare come Connie" pensò. "Ho sentito un'ondata travolgente di pace e amore", ricorda. Dopo ciò, si addormentò facilmente.

Nome indelebile

La mattina dopo, quando si svegliò, tirò fuori la Bibbia che aveva ricevuto in chiesa e iniziò a sfogliarla. "Ho trovato tanta pace in essa." Si è imbattuta in Isaia capitolo 49. "Descrive quanto sia amorevole Dio che, anche se una madre dimentica o lascia suo figlio, Dio non ti lascerà mai". Rimase colpita dal versetto 16, in cui si dice: "Ho scritto indelebilmente il tuo nome sul palmo della mia mano".

Questo l'ha rianimata: “Sapere che Dio mi ama e si prende cura di me in questo modo è stato qualcosa di unico per me. Dio è apparso davvero quando avevo più bisogno di lui. »

Una nuova vita

Dopo aver accettato Gesù Cristo, non ebbe più nessun attacco di panico. Oggi Jazal è sposata e vive a Houston. «Desidero che tutto ciò che faccio e che dico, Lo rappresenti. Questo da un senso speciale alla mia vita», dice.

Invece di continuare ad essere sopraffatta dalla paura, ora racconta di chi sostituisce la paura con la fiducia.

 

Traduzione dal tedesco: E. Schembre

Autore: Michael Ashcraft / Daniel Gerber
Fontee: Godreports / Übersetzung: Jesus.ch