Impulsi da una prospettiva biblica

Prospettive di speranza

Il coronavirus si sta diffondendo rapidamente, causando una nuova malattia polmonare chiamata Covid-19. Il numero di infezioni confermate e decessi dovuti a questa malattia è in costante crescita. Allo stesso tempo, sono in corso ricerche su un antidoto. Le misure preventive sono particolarmente importanti in questo momento. Se qualcuno è infetto, è importante mettere in quarantena quella persona al fine di isolarla da persone sane.

Tutte le persone venute a contatto con la persona infetta devono essere identificate in modo che possano essere messe anch'esse in quarantena. Tutte le catene di infezione devono essere interrotte, se possibile.

Dobbiamo preoccuparci?

La malattia respiratoria Covid-19 è scoppiata nella città cinese di Wuhan alla fine di dicembre 2019 e da allora si è sviluppata in un'epidemia di importanza internazionale. L'11 marzo 2020, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ufficialmente dichiarato la precedente epidemia di coronavirus una pandemia. A causa della rapida diffusione del coronavirus, abbiamo motivo di preoccuparcene. Le precauzioni sono essenziali. Anche più di tremila anni fa, come impariamo dalla Bibbia, le persone con la lebbra della pelle contagiosa sono stati isolati. Dovevano vivere separatamente (vedi Genesi 13:46, La Bibbia). Dal nostro punto di vista oggi, trattare i malati in questo modo sembra crudele. Ma in fondo usiamo ancora oggi un metodo molto simile. Lo chiamiamo quarantena.

Come possiamo proteggerci?

Si consiglia di evitare grandi folle di persone, di indossare maschere respiratorie in determinate circostanze e di lavarsi le mani regolarmente. Vengono utilizzati disinfettanti e le maniglie delle porte devono essere pulite più volte. Occorre osservare una distanza minima da uno a due metri dalle persone sospettate di essere affette dalla malattia. Un'altra misura preventiva è il rafforzamento del sistema immunitario attraverso una dieta sana. Ma tutte le misure menzionate sono sufficienti a darci sicurezza? Ci rendiamo subito conto che queste raccomandazioni riducono solo minimamente le nostre preoccupazioni. Vorrei richiamare l'attenzione su un aspetto importante che non deve essere trascurato in questa situazione. Impariamo dalla Bibbia che Dio è in grado di proteggere ogni essere umano. Lì leggiamo:

"Non temerai il terrore della notte, ne la freccia che vola di giorno, la peste che vaga nell'oscurità, lo sterminio che perisce a mezzogiorno. Mille cadranno al tuo fianco, e diecimila alla tua destra, ma nulla ti potrà colpire ". (Salmo 91:5-7) Questo è esattamente ciò che il popolo di Israele ha sperimentato in Egitto. Mentre tra gli Egiziani il primogenito morì in una notte in ogni famiglia, tutti gli Israeliti furono risparmiati. Nessuno di loro morì (vedi Genesi 12:12-13). Già al tempo del diluvio Dio conservava alcuni che si fidavano di lui. Possiamo aspettarci la stessa protezione? Notiamo che questi esempi non si adattano direttamente alla nostra situazione. Ma ci mostrano il grande potere di Dio, che è in grado di proteggerci da tutti i pericoli. Stiamo assistendo a persone di fede morire di malattie e morti a causa di guerre, disastri o persecuzioni. Dobbiamo anche considerare queste possibilità. Un esempio incoraggiante di come Dio interviene nel bisogno è l'esperienza di tre ebrei nella provincia di Babele: Shadrach, Meshach e Abed-Nego, di cui leggiamo nella Bibbia. Essi e tutti gli altri membri del popolo dovevano adorare l'alambicco d'oro del re Nabucodonosor. Coloro che non rispettavano dovevano essere gettati nella fornace di fuoco. Per i tre ebrei era chiaro che avrebbero adorato solo Dio. Pertanto essi risposero al re:

"Il nostro Dio che serviamo può liberarci dalla fornace ardente del fuoco, e sicuramente ci libera dalla tua mano, o re! E anche se non è così, so, o re, che non serviremo i vostri dei, né adoreremo l'immagine d'oro che avete istituito." (Daniele 3:17-18) I tre amministratori non sapevano come sarebbe andata la questione. Ma volevano rimanere fedeli a Dio anche se ciò significava la morte per loro. Furono gettati nel fuoco e videro Dio preservarli. È con grande certezza che possiamo dire che Dio può preservare le persone che si fidano di Lui e portarle attraverso i più grandi problemi della loro vita. Ma anche quando la malattia, la sofferenza o la morte li attendono, sanno bene che sono al sicuro con Dio. Confidano nella guida di Dio e che tutte le cose servono per il loro meglio.

Un'epidemia con conseguenze tragiche

Tuttavia, alla luce dell'epidemia del coronavirus, dovremmo anche considerare che esiste un'altra "malattia" che è molto più tragica del Covid-19. Siamo giustamente preoccupati per la diffusione del coronavirus. Alcune persone sono infette da questo virus e lo trasmettono ad altri inconsapevolmente. Ma c'è un "virus" che è molto più insidioso. Il peggior "virus" che esiste a volte si verifica anche molto poco appariscente. Molti non se ne accorgono. È il "peccato". La parola "peccato" è un termine biblico e descrive lo stato di una persona che è separata da Dio e il suo falso modo di vivere. Egli non agisce secondo i comandamenti di Dio e non ha alcun rapporto personale con Gesù. Dio vuole che viviamo in armonia con Lui e in armonia con gli altri. Ma il peccato distrugge la nostra convivenza e il nostro rapporto con Dio.

Il nostro mondo è rotto in molti aspetti. C'è molto odio, terrore, guerra e molta sofferenza personale.

Ognuno di noi in qualche modo ne è influenzato.

Ci troviamo di fronte a tanti cumuli di frammenti e non ne conosciamo ne il dentro ne il fuori. Il "virus" ci ha in pieno controllo. Le persone sono divise, le famiglie sono divise, i paesi sono in guerra. Tuttavia, il virus del peccato non ha ancora avuto il suo massimo effetto. La conseguenza più tragica del peccato è che ci separa da Dio. Questa separazione durerà per sempre.

Immaginate che per il coronavirus si dovesse rimanere in quarantena non solo due o tre settimane, ma per il resto della vita. Sarebbe, ovviamente, un pensiero terribile. Ma il virus del peccato ha conseguenze così tragiche che mette le persone in "quarantena" non solo per poche settimane o mesi, ma per tutta l'eternità. Ciò significa che l'uomo è per sempre escluso dalla presenza di Dio e quindi dal cielo. Dopo la sua morte, aspetta di rimanere in un posto terribile lontano da Dio.

Un' „epidemia“ che si può combattere

Se le conseguenze del virus del peccato sono così gravi, quanto è importante conoscere la via della guarigione! Dio stesso ha preso precauzioni per questo. Egli mandò Suo Figlio, Gesù Cristo, in questo mondo per liberarci dal virus del peccato. Gesù morì sulla croce del Calvario per i peccati di ogni individuo. Egli pagò con la vita per le conseguenze del peccato: si prese la colpa su se stesso in modo che potessimo avere il perdono. Nessuno viene automaticamente liberato dalle proprie colpe. Una persona malata deve prendere la medicina che lo aiuta. Allo stesso modo, dobbiamo accettare il rimedio che Dio ci fornisce. Questa "cura" per il nostro peccato è Gesù Cristo. Accettalo! La Bibbia dice: "In nessun altro è la salvezza; perchè non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati." (Atti 4:12).  ) Come ci liberiamo dalle nostre colpe in Gesù? Primo, dobbiamo riconoscere che abbiamo bisogno di perdono per le nostre colpe. Nella fase successiva, dobbiamo includere Gesù come Signore nella nostra vita. Come accade realmente? Parlate a Gesù Cristo in una semplice preghiera. Ringraziatelo per la morte sulla croce sul Calvario a causa dei vostri peccati. Chiedetegli perdono di tutti i vostri peccati e invitatelo ad entrare nella vostra vita. Ditegli che volete appartenere a Lui e che d'ora in poi deve determinare la vostra vita. In questo modo, affidate la vostra vita a Gesù Cristo! Gesù allora vi perdona tutte le vostre colpe e vi rende figliuoli di Dio. Così siete liberati dal virus del peccato e potete aspettarvi di stare con Lui in cielo. In quel giorno e con questa decisione, inizia per voi una nuova vita con Gesù Cristo. Leggi regolarmente la Bibbia per conoscere ancora meglio la volontà di Dio, parlare regolarmente con Dio e cerca la comunione con altre persone che conoscono e vivono con Gesù personalmente.

Dobbiamo preoccuparci? Vi incoraggio a contare su Dio e ad affidare la vostra vita a Gesù Cristo. Forse la preoccupazione per Covid-19 può aiutarti a liberarti dal peggior "virus" di sempre, il peccato. Manfred Röseler

Titolo tedesco: Covid-19 - Müssen wir besorgt sein?

 

Traduzione: Elisa Schembre Scalia

Bruderhand-Medien, Am Hofe 2; 29342 Wienhausen;

Germany Tel.: +49 (0) 51 49/ 98 91-0, Fax: -19 E-Mail: ;

Homepage: bruderhand.de